Home Blog & Notizie Un adolescente è stato arrestato per convinzione del puntatore laser

Un adolescente è stato arrestato per convinzione del puntatore laser


  • Visualizzazioni:705     Pubblicato da Aonzo - 14.06 2020

  • • Il ragazzo aveva 15 anni al momento dell'arresto nel settembre dello scorso anno ed è stato il primo manifestante a essere dichiarato colpevole di trasportare l'oggetto come arma offensiva
    • L'Alta Corte conferma il verdetto di colpevolezza che ha visto l'adolescente condannato a tre mesi in un centro di riabilitazione

    convinzione puntatore laser

    Il primo manifestante di Hong Kong ritenuto colpevole di aver portato un puntatore laser come arma offensiva durante i disordini civili dell'anno scorso non è riuscito a cancellare il suo nome.

    Mercoledì, la signora Justice Maggie Poon Man-kay ha respinto l'appello del sedicenne contro la sua condanna dopo aver concluso che il tribunale inferiore aveva giustamente definito il suo dispositivo laser e l'ombrello come armi offensive.

    I manifestanti hanno usato regolarmente entrambi gli oggetti contro gli agenti di polizia durante le proteste antigovernative, che sono state innescate dal disegno di legge di estradizione ora ritirato.

    L'Alta Corte ha ascoltato il ragazzo, la cui identità era stata trattenuta perché minorenne al momento dell'arresto, è stato fermato dalla polizia durante una protesta a Tuen Mun il 21 settembre.

    Gli agenti lo hanno trovato in possesso di un ombrello con un bastone da trekking e portando uno zaino contenente cartelli di protesta, cavi di plastica, occhiali, equipaggiamento protettivo e un puntatore laser in grado di emettere raggi di colore verde. Indossava anche una maschera.

    Un esperto del governo ha osservato che il suo dispositivo laser potrebbe causare danni se fosse puntato verso l'occhio umano a una distanza di 36 m.

    L'adolescente è stato condannato lo scorso novembre in un centro di riabilitazione per tre mesi dopo essere stato dichiarato colpevole per un motivo di possesso di armi offensive con intento e un altro per possesso di armi offensive in un luogo pubblico.

    All'epoca, il magistrato capo ad interim So Wai-tak concluse che l'imputato aveva intenzione di protestare in modo non pacifico, considerando che stava camminando lungo la linea di polizia con oggetti che poteva usare come protezione in caso di scontro fisico.

    Così osservò inoltre che il ragazzo era in piena protesta quando aveva il puntatore laser e concluse che doveva aver intenzione di usarlo per infliggere danno o disagio agli altri.

    In appello, il suo avvocato difensore Robert Pang Yiu appeso SC ha sfidato il ragionamento del magistrato.

    Pang ha affermato che il puntatore laser potrebbe essere stato utilizzato per indicare gli edifici e attirare l'attenzione come un modo di espressione pacifica.

    Ha anche osservato che il suo cliente aveva collaborato con la polizia durante le indagini e che non c'erano prove che avesse mai usato il dispositivo.

    Ha inoltre sostenuto che il magistrato aveva trascurato la possibilità che l'ombrello e il bastone da trekking fossero rotti, invece di essere deliberatamente modificati per danneggiare gli altri.

    Ma Poon ha scoperto che il magistrato aveva il diritto e il diritto di trarre tali conclusioni, soprattutto quando l'imputato non ha testimoniato a sua difesa e ha presentato prove che potrebbero indebolire o contrastare il procedimento giudiziario.

    Ha anche trovato il suggerimento di usare i puntatori laser per colpire gli edifici in protesta pacifica una "nozione fantasiosa".