Home Blog & Notizie Puntatori laser come meccanismo di ferita unico

Puntatori laser come meccanismo di ferita unico


  • Visualizzazioni:703     Pubblicato da Aonzo - 27.08 2020

  • Poiché l'attenzione sia nazionale che internazionale è stata focalizzata sulla violenza a Portland, Oregon, è emerso un unico modello di lesioni subite da LEO: lesioni oculari intenzionali del laser. Come esempio della loro capacità di causare gravi danni agli occhi, l'uso del laser come arma viola la Convenzione di Ginevra. Tuttavia, è stato riferito che i manifestanti a Portland li stanno usando contro LEO.

    puntatori laser ferita

    Il trattamento preospedaliero per queste lesioni è limitato, ma le lesioni possono essere estremamente debilitanti.

    Le lesioni da puntatore laser comportano principalmente danni fototermici all'occhio, in particolare la retina, che riceve la luce attraverso la lente, la converte in segnali neurali e trasmette quei segnali al cervello.

    "A seconda della lunghezza d'onda, della potenza della radiazione, del tempo di esposizione, della localizzazione e delle dimensioni dello spot, i puntatori laser possono causare lesioni fototermiche estreme agli occhi, che possono portare alla cecità".

    Sebbene l'uscita di potenza del laser sia regolamentata a livello federale per impedire che pericolosi laser ad alta potenza causino lesioni involontarie, molti laser ad alta potenza importati sia negli Stati Uniti che in Europa sono etichettati in modo impreciso per quanto riguarda la loro potenza in uscita, non etichettati affatto o etichettati correttamente , ma di output che non avrebbero dovuto essere autorizzati alla vendita pubblica.

    La maggior parte dei puntatori laser è regolata su una potenza in uscita di 1 mW, che è relativamente innocua nella maggior parte delle circostanze. L'emissione di radiazioni dei laser misurati che provocano lesioni è variata da meno di 5 mW a oltre 1000 mW.

    Un puntatore laser testato in un laboratorio tedesco ha prodotto un output effettivo 100 volte superiore a quello elencato. Due dispositivi sono stati etichettati come 1 mW ma alimentati a 45 mW. In un altro caso, un dispositivo etichettato a meno di 5 mW stava effettivamente emettendo 105 mW.

    Questi laser ad alto rendimento spesso emettono luce nello spettro verde, che, a differenza dei laser rossi, si verifica a diverse lunghezze d'onda, inclusa la radiazione infrarossa invisibile. La lunghezza d'onda più corta della luce verde provoca danni fototermici più pronunciati. In uno studio, il 90% dei puntatori laser verdi testati presentava una potenza in uscita superiore a 5 mW, la soglia per i laser "ad alta potenza".

    Quando la retina assorbe l'energia radiante, il tessuto si riscalda, portando alla denaturazione delle proteine, all'edema della retina, a una reazione infiammatoria e alla morte cellulare. È stata segnalata anche emorragia retinica.

    A dicembre 2018, la letteratura medica pubblicata ha documentato 171 casi di lesioni agli occhi del puntatore laser. Circa la metà di tutti i pazienti si è presentata da 1 a 7 giorni dopo l'esposizione al laser. Il corso tipico del danno alla retina del puntatore laser è quello della perdita improvvisa della vista, a volte dopo la sensazione di un "lampo luminoso" di luce, seguito da un miglioramento della perdita della vista per un numero di settimane.

    Statisticamente, le lesioni si suddividono in: un terzo che coinvolge entrambi gli occhi, un terzo l'occhio destro e un terzo il sinistro. Alla prima presentazione, l'acuità visiva media dopo l'esposizione era 20/50, meno di 20/40 nel 55% 1 e dal 5 al 7,1% poteva contare solo le dita.

    puntatori laser

    Alcuni dei feriti hanno riportato lievi mal di testa, lacrimazione e corpi mobili nella vista. Più del novanta per cento ha un certo grado di diminuzione della vista, punti ciechi o visione offuscata. La maggior parte dei danni alla retina è indolore. Solo il 9,1% ha riportato dolore agli occhi, spesso più di 24 ore dopo l'esposizione.

    Alcune vittime possono strofinare gli occhi abbastanza forte da causare un'abrasione corneale, che può essere molto dolorosa. Queste abrasioni corneali non sono il risultato diretto del danno laser stesso.

    Sfortunatamente, sia il trattamento preospedaliero che quello di pronto soccorso sono limitati, escludendo in gran parte lesioni oculari più comuni. Le protezioni per gli occhi non hanno alcun beneficio preciso a meno che non vi sia la preoccupazione di un trauma diretto o penetrante all'occhio. Una schermatura non necessaria renderà più difficile la vista della vittima, riducendola essenzialmente a un occhio aperto.

    Un rinvio oftalmologico è obbligatorio, ma anche le loro opzioni sono limitate. Sebbene siano stati utilizzati sia steroidi topici che sistemici, ci sono dati contrastanti sul fatto che migliorino l'acuità visiva finale della vittima. Anche in quelli con una visione migliorata, nessuno ha un pieno recupero e tutti continuano a mostrare cicatrici retiniche persistenti, anche se la loro visione finale è 20/20.

    Questa tattica è stata utilizzata anche nel Regno Unito, a Hong Kong e in Cile.